Le capacità coordinative

Le capacità coordinative sono le capacità dell’uomo che sono determinate dalla coordinazione, cioè dai processi di controllo e di regolazione dei movimenti.

Esse mettono l’atleta in grado di controllare, con sicurezza ed economia, le sue azioni motorie in situazioni prevedibili ed imprevedibili e di apprendere movimenti sportivi in modo relativamente rapido. Viene fatta una distinzione tra capacità coordinative generali e speciali. Le generali sono il prodotto di un addestramento multilaterale in vari sport, mentre le speciali vengono formate nel quadro della relativa disciplina di gara e sono caratterizzate dalla possibilità di variazione nella tecnica dello sport considerato. Caratteristica delle capacità coordinative è quella di presentarsi in tipiche costellazioni complesse di più capacità.

L’IMPORTANZA DELLE CAPACITÀ CORDINATIVE

Si ha bisogno delle capacità coordinative per dominare e risolvere situazioni che richiedono di agire rapidamente ed in modo finalizzato. Sono estremamente importanti anche come profilassi verso gli incidenti e gli infortuni, in quanto permettono di impedire collisioni, cadute, ecc…

La loro allenabilità è maggiore dal settimo anno d’età all’entrata nella pubertà. L’addestramento tempestivo delle capacità coordinative è decisivo per quanto riguarda il livello di sviluppo che potrà essere raggiunto successivamente. Per questo motivo, è fondamentale sviluppare prima le capacità coordinative e dopo quelle condizionali. Nel corso della vita, le capacità coordinative diminuiscono più o meno velocemente.

VARI TIPI DI CAPACITÀ COORDINATIVE

Per conoscere al meglio come sviluppare e allenare le capacità coordinative, è fondamentale classificarle. Abbiamo:

  • capacità di coordinazione segmentaria: la capacità di coordinare, in modo adeguato, tra loro vari movimenti dei segmenti del nostro corpo in un unico movimento globale;
  • capacità di differenzazione: capacità che ci permette di raggiungere una sintonia molto precisa tra le singoli fasi del movimento e degli spostamenti dei segmenti del corpo, che si esprimono in una grande precisione ed economia dei movimenti;
  • capacità di equilibrio: capacità di tenere tutto il corpo in stato di equilibrio, di mantenere tale stato o di recuperarlo durante o dopo ampi spostamenti del corpo;
  • capacità di orientamento: capacità di determinare e cambiare, nello spazio e nel tempo, la posizione ed i movimenti del corpo;
  • capacità di ritmo: capacità di comprendere un ritmo proveniente dall’esterno e di replicarlo attraverso il movimento;
  • capacità di reazione: capacità di iniziare ed eseguire un movimento nel modo più opportuno e nel minor tempo possibile, dopo un segnale;
  • capacità di trasformazione: capacità che permette di trasformare e adeguare il proprio movimento in base a dei cambiamenti della situazione che sono stati percepiti o previsti.
close

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *