Le vertebre

Le vertebre costituiscono lo scheletro della colonna vertebrale e sono delle ossa brevi formate da un corpo e da un arco che, insieme, delimitano un foro articolare. La successione dei fori offre lo spazio per il passaggio del midollo spinale.

Il corpo è la parte più voluminosa della vertebra, ha una forma cilindrica e presenta una faccia superiore, una faccia inferiore e una faccia di contorno. I corpi di vertebre vicine si articolano tra di loro tramite la faccia superiore e quella inferiore dove sono presenti i dichi intervertebrali.

L’arco è la parte superiore della vertebra. Dall’avanti indietro, si distinguono due peduncoli, due masse ipofisarie, due lamine e un processo spinoso, palpabile posteriormente. I margini dei peduncoli di due vertebre contigue delimitano, sovrapponendosi, un foro intervertebrale che dà passaggio al nervo spinale.

Nelle vertebre, tranne nei tratti in cui sono fuse, è possibile riconoscere caratteristiche generali di costituzione e particolarità di conformazione che consentono di assegnarle a un determinato tratto della colonna o di riconoscerle in modo individuale.

Le vertebre cervicali (C1-C7), le più piccole tra le vertebre, sostengono il capo e formano lo scheletro posteriore del collo. Le sette vertebre cervicali sono caratterizzate come tipiche o atipiche. Le vertebre cervicali tipiche sono quelle che vanno da C3 a C6. Hanno un corpo di piccole dimensioni, un ampio forame vertebrale e spesso processi spinosi bifidi. Le vertebre cervicali atipiche sono C1, C2 e C3. C1, atlante, è priva di corpo vertebrale e di processo spinoso. È costituita da un arco vertebrale anteriore ed uno posteriore uniti in entrambi i lati da masse laterali. C1 si articola con l’osso occipitale e C2. C2, epistrofeo, ha un processo a forma di dente che si proietta dal corpo vertebrale verso l’alto articolandosi con l’arco anteriore di C1. C7, vertebra prominente, ha un processo spinoso lungo e palpabile.

Le vertebre toraciche (T1-T12) hanno lunghi processi spinosi che si proiettano inferiormente, corpi vertebrali cuoriformi e delle faccette articolari superiore e inferiore orientate sul piano coronale e faccette costali che si articolano con le coste.

Le vertebre lombari (L1-L5) sono le più grandi. Hanno dei voluminosi corpi vertebrali, processi spinosi corti e ampi e una parte interarticolare, porzione della lamina posta tra le faccette articolari superiore e inferiore, che forma il collo del cagnolino che si evidenzia nelle radiografie della colonna lombare in proiezione obliqua. È una sede comune di fratture vertebrali.

Le vertebre sacrali (S1-S5) sono fuse in unico osso, il sacro, che forma la parete posteriore delle pelvi e si articola lateralmente con le ossa dell’anca. Il sacro contiene il canale sacrale che è la continuazione del canale vertebrale, la cresta sacrale mediana data dalla fusione dei processi spinosi delle vertebre sacrali, le creste sacrali mediali, quattro paia di forami sacrali anteriori e posteriori e dal promontorio.

Le piccole vertebre coccigee (3-5) sono fuse in unico osso a forma triangolare, il coccige.

BIBLIOGRAFIA

Elementi di Anatomia Umana – Anne M. Gilory – EdiSES Rivoluzione posturale – Fabio Marino – Non solo fitness Editrice

close

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *